Racconta la tua esperienza di scambi di coppia

Scambio familiare.

by Antonino - 15-2-2017

Mi chiamo Antonino, ho 39 anni e da 11 sono sposato con Tania, anche lei quarantina, come direbbe il buon Camilleri. Abbiamo un figlio decenne che sta quasi sempre coi nonni, visto che il nostro lavoro c'impegna spesso fuori di casa. Proprio per questo, forse, mia moglie ed io, qualche volta, ci siamo cornificati senza pensarci troppo. Nei momenti di tempesta ce li siamo pure rinfacciati, i tradimenti, arrivando perfino a paventare separazione e divorzio. Anche ai tifoni, però, capita di sgonfiarsi, e a due persone che si amano, capita di guardarsi negli occhi, di scoprirsi ancora innamorati, venire assaliti dalla frenesia, strapparsi i vestiti di dosso e darci dentro come forsennati. Entrambi, quando scopiamo di brutto, diventiamo viziosi, e raccontarci i particolari delle corna ci eccita all'inverosimile. Una notte, dopo una estenuante scopata, abbiamo deciso che non potevamo più andare ciascuno per conto proprio; sarebbe stato molto più divertente inserire gli eventuali amanti, uomo o donna che fossero, all'interno della nostra coppia. E qui è sorto un grosso problema, un problema che ha nome Salvina, e una parentela: è la sorella di mia moglie. Mia cognata Salvina ha trent'anni ed è divorziata da due; il suo matrimonio, fra alti e bassi, è durato un anno o poco più. Non è una grande bellezza; Tania, in questo, pur essendo più matura, la batte agevolmente. Tuttavia, sa come diventare provocante, irretire gli uomini, spremerli fino all'osso ed anche lasciarli con un palmo di naso. Ha un debole per me che per un po' di tempo ho lasciato scorrere via, senza concretizzare. Alla fine, però, mi sono arreso alle sue lusinghe e sono diventato uno dei suoi amanti. Salvina, a letto, è una diavolessa; batte Tania, in questo, ed è proprio con lei che ho più spesso tradito mia moglie. Tania, quando ha scoperto la tresca, si è infuriata di brutto, e pur senza smentire il nostro patto, ha preteso: "Puoi portare tutte le donne che vuoi nel nostro letto ma non mia sorella. Lei no. Mai e poi mai." Che potevo fare se non abbozzare? Tuttavia, Salvina, che ho definito una diavolessa a letto, lo è anche nel tessere trame. Conosce sua sorella, conosce i suoi punti deboli. E fra i punti deboli di mia moglie c'è da qualche tempo un tenebroso venticinquenne che studia legge senza molto profitto. Vive con la madre fisioterapista; abitano due piani sopra di noi. Ogni volta che Tania incontrava quel bel tenebroso gli faceva gli occhi dolci, essendo, lui, l'oggetto del suo desiderio. Si chiama Simone e sovente mentre scopiamo, Tania si lascia andare e sospira: "Vorrei che Simone fosse qui! Gli darei tutto; proprio tutto, anche il culo!..." E' stata Salvina, però, a circuire il ragazzo, a farne il proprio amante, quindi portarlo in casa nostra e offrirlo a Tania, in sacrificio. E' la storia di pochi giorni fa. Mentre mia moglie stava scopando con Simone nel nostro letto, Salvina ed io facevamo altrettanto in camera degli ospiti. Fra un orgasmo e l'altro, mia cognata, ha sospirato: "Per fortuna sono io che ci guadagno, cognato caro. Il ragazzo è giovane, è bello e ci dà dentro con buona lena, ma non ha le tue dimensioni. Inoltre dura poco; viene troppo presto. Tania si stancherà di lui, e dovrò trovarle un nuovo cavallo. Mia sorella è troia qiuanto me, per questo è bene che certe cose avvengano in famiglia, non trovi?."

Commenta questo racconto oppure proponi il tuo racconto
Leggi altre esperienze di coppia vere su AdultFriendFinder


Commenta questo racconto oppure proponi il tuo racconto

Commenta il racconto

Nome
Il mio commento:
Ultime ricerche: scambi sessuali famigliari scampio familiari

Per informazioni pubblicitarie info@le-orge.com | Informazioni sulla privacy | Scambi banner
Segnalato da Eros Freeonline | Il Paradiso del Sesso