Racconta la tua esperienza di scambi di coppia

Al club privee

by carla - 21-12-2012

Pur non essendo più giovanissima ho ancora voglia di cazzi come quando avevo venti anni.
Questo mio marito Sergio lo sa e quando capita l'occasione non me li fa mancare.
A fine novembre eravamo a Milano lui per due giorni di lavoro ed io a fargli compagnia.
Alla serain attesa di andare a cena andammo a passeggio ed entrammo in un negozio di vestiti ancora aperto.
Ne uscimmo dopo che lui mi aveva fatto comprare una microgonna strettissima di colore nero un paio di autoreggenti nere a rete e una canotta nera di almeno due misure più piccola di quella che serviva per contenere le mie tette (ancora sufficientemente ritte ma sempre state di una terza abbondante).
Dopo aver pagato chiese al commesso se potevo cambiarmi nel camerino, quando uscii il commesso rimase impietrito perchè devo dire che nuda avrei fatto meno effetto.
A questo punto mi disse togliti anche le mutandine, cosa che feci davanti al commesso ormai paonazzo.
Misi i vestiti che avevo prima in borsa e indossato il soprabito passeggiammo ancora un pò quindi prendemmo un taxi e disse al tassista di portarci al club privè più frequentato da uomini.
L’addetto all’ingresso ci disse che al momento dentro non c’erano coppie ma molti uomini che erano nella sala da ballo. Quando tornammo, dopo aver consegnato al guardaroba, e mi vide come ero vestita, ci disse che essendo l’unica donna se ero disponibile non ci faceva pagare. Mio marito mi alzò la gonna che rimase avvolta sopra la vitae gli disse “che te ne pare, va bene se entra così, ? ” lui si avvicinò e disse vi accompagno intanto mi palpava il culo e quando passò alla fica sentitala fradicia disse, “è già pronta, buon divertimento” prima di entrare in sala mi tirò giù la gonna e abbassate le luci uscì.
Mio marito mi abbracciò e cominciammo a ballare, intanto lentamente iniziò a tirarmi su la gonna mettendo in mostra il mio bel culo, in pochi secondi eravamo circondati a meno di un metro uomini di ogni età, ai quali quel porco di mio marito mentre mi palpava il culo, mi faceva frusciare addosso, fino a che le mani di mio marito non furono sostituite da due dieci, venti altre mani.
Dissi a mio marito di rallentare e le mani a questo punto iniziarono ad entrare fra le mele e qualche dito anche nel culo.
Mio marito a questo punto, smise di ballare e presami per la vita mi fece girare e mi scoprì anche il seno, ora le mani palpavano la fica e le dita cercavano di entrare dentro.
Sino a che due non chiesero se potevano ballare con me, mio marito si spostò dicendo si ma poi datevi il cambio.
Io mi sentii afferrare davanti e dietro e stringere a sandwich fra i due che iniziarono palparmi, baciarmi strusciarmi i cazzi ritti, ma ancora dentro ai pantaloni, nella fica e nel culo.
Io che oramai ero fradicia e desideravo scopare con una mano davanti e l’altra dietro gli tirai giù le cerniere e tirati fuori i cazzi mi infilai quello davanti nella fica, mentre l’altro iniziava ad incularmi.
A questo punto cominciarono a scoparmi in piedi davanti agli altri che avevano anche loro tirato fuori i loro cazzi e che io presi in mano i più vicini iniziai a fargli una sega.
Vennero quasi tutti e quattro assieme riempiendomi di sborra fica culo e mani e facendo venire anche me almeno due volte.
Dopo fu la volta di altri quattro e così per altre tre volte. Un signore di circa sessanta anni mentre mi scopava in fica mi baciò prima sul viso e poi mi infilò la lingua in bocca e per tutto il tempo continuò a slinguarmi mentre quello che mi inculava mi strizzava i capezzoli, mi fecero venire come una fonte tanto che smisi di fare la sega agli altri due e mi attaccai a lui per sentirlo ancora più dentro e ricambiare la linguata.
De due ai quali avevo interrotto la sega uno volle incularmi e all’altro mi toccò fargli un pompino con l’ingoio.

Uno rialzò l’illuminazione e potei vedere tutti quegli uomini con i cazzi fuori ormai mosci, a questo punto ero sfinita, da quanti cazzi avevo preso e da qunte volte ero venuta, colavo sborra dalla fica dal culo e dalle mani, nonostante ciò andai da mio marito che era seduto ad un tavolo con il cazzo fuori e che mi prese in collo infilandomelo nel culo e baciandomi sul collo e sulle tette mi disse “sei una moglie e una troia fantastica, te li sei fatti quasi tutti” ed io come quasi chi non mi ha voluto scopare?
Mio marito mi indicò uno, che avrà avuto più o meno la mia età, magro e di altezza medio bassa, dicendomi lui è rimasto sempre seduto a guardare, forse non sei il suo tipo.
Colta nell’orgoglio mi sono alzata sfilandomi il cazzo di mio marito dal culo e mi sono avvicinata all’uomo piegandomi verso di lui a gambe aperte in modo che lui potesse avere davanti al viso la mia fica pelosa e gli altri, che avevo visto stavano sorridendo e parlottando fra se, il mio culo.
Ho preso una sua mano e me la sono messa sul seno dicendogli, “perché non mi hai scopato, non ti piaccio?” dopo un po’ di esitazione ha cominciato a palparmi la tetta dicendomi, mi piaci sei una troia fantastica me lo hai fatto rizzare, ma non posso scoparti per questo motivo, e alzatosi si è calato i pantaloni mettendo in mostra un cazzo enorme sia in lunghezza che in diametro.
A quel punto di istinto mi sono piegata in avanti e presoglielo fra le due mani ho cominciato a fargli una sega e a leccarglielo era già duro ma ho sentito che stava diventando come l’acciaio, intanto dietro a me, più mani mi stavano palpando culo e fica , fino a che uno che non so quante dita mi stava infilando nella fica ha detto “troia ormai sei fradicia e bella aperta, quando lo ritrovi un cazzo così, fatti scopare? ” io o smesso di leccare quell’enorme cazzo e rivolta con lo sguardo a mio marito, con un filo di voce mi sono sentita dire “aiutami voglio che mi scopi lo voglio ora”.
In coro ho sentito gli uomini dire “troione ti aiuteremo noi, lascia stare quelle becco di tuo marito”.
Ho sentito più mani che mi sollevavano prendendomi per le spalle e per i piedi e trasportandomi così su un tavolo dove mi hanno sdraiato mentre l’uomo con il cazzo enorme si è posizionato dinanzi a me.
A quel punto è entrata un’altra coppia sui 25 anni, la lei vista la scena ha strabuzzato gli occhi e venuta vicino a me mi ha detto “sei sicura di farcela a prenderlo” al mio si mi ha baciato in bocca e ha detto agli uomini presenti “spostategli il culo sul bordo, due per lato teneteglile gambe spalancate mentre altri gli tengano fermo il corpo e due le spalle che non vada in dietro” quindi ha preso in mano il cazzone e lo ha guidato sino alla mia fica.
Ha cominciato ad accarezzarla mentre infilate dentro tutte le dita ed ha cominciato ad allargarla sino ad infilarci quasi tutta la mano, quindi dicendo”è pronta comincia ad infilarlo” mia ha abboccato l’enorme cappella dell’uomo dicendo “fallo entrare lentamente e te guidalo dicendo basta o ancora”.
E venuta accanto al mio viso ed iniziato ad accarezzarmelo mi ha preso una mano e postatala fuori dal tavolo se la è messa fra le cosce.
Io non sapevo cosa fare perché non ero mai stata con una donna e sono rimasta li ferma, intento il cazzone cominciava ad entrare.
Lei gli ha detto infilagli la cappella e poi fermati, quando è entrata ho sentito come se mi squartassero e non ho potuto trattenere un urlo, lei si è abbassata con il volto sul mio e mi ha baciato cominciando a slinguarmi, mentre mi carezzava i capelli e mi diceva “oramai è dentro il più è fatto, sei una puttana fantastica tutti qui hanno il cazzo fuori per te, ti amo” a quel punto mi sono sentita percorrere da un brivido e istintivamente ho cominciato a ricambiare e a muovere la mano che avevo sulla sua fica cercando di fargli un ditalino.
Mentre mi baciava mi ha detto “vuoi che lo infili ancora?” ed io “si tutto ma piano” ho sentito quell’enorne bastone entrare lentamente dentro di me,sino ad arrivare alla pancia, poi fermarsi ed al mio “ancora” l’uomo ha detto “lo hai preso tutto sei piena ora ti scopo” ha cominciato a pomparmi lentamente poi sempre più forte fino a che non ho cominciato a venire e urlare “vengo…. Vengo è fantastico, sfondami tutta e riempimi di sborra” ora lo toglieva quasi del tutto e lo riaffondava con un sol colpo, sempre più velocemente tanto che gli uomini che mi reggevano facevano fatica a non farmi scivolare indietro, mi sentivo spaccare, sembrava che un treno mi stesse entrando in fica, non so quante volte sono venuta prima di sentirlo irrigidirsi e fermarsi dentro dei me e mentre un fiume di sborra mi riempiva ogni cavità fino a scoppiarmi sono venuta nuovamente slinguando come impazzita la ragazza e sentendo che anche lei stava venendo nella mia mano che non aveva smesso mai di sditalinargli la fica.
Quando il cazzone ora ammosciato uscì dalla mia fica, l’uomo disse “erano anni che non riuscivo a farmi una scopata così il serbatoio era strapieno”, vi fu un applauso dei presenti mentre dicevano guarda come la ha spalancata ora noi ci si dovrebbe infilare la testa per farci sentire.
Il portiere del club mi mise una salvietta sulla fica dicendomi tamponala e vai a lavarti altrimenti mi spargi sborra per tutta la sala.
Andai in bagno e entrò la ragazza con quello che poi seppi era suo fratello, e mi disse lascia fare ci penso io, cominciò a lavarmi la fica baciandomi mentre il fratello mi succhiava le tette una volta finito mi disse dopo questa volta non ci vedremo forse più anche se vorrei averti sempre con me, facci questo ultimo regalo e sdraiatasi in terra mi fece mettere sopra di lei con il viso sulla sua fica e cominciò a leccare ed ad infilare dita nella mia mentre mi diceva, “sei stata fantastica a prenderlo tutto senti che fica hai ora, c’è entrata tutta la mano e parte del polso, mio fratello vuole incularti lo può fare?” al mio si sentii il cazzo del giovane entrarmi nel culo sino alle palle e mentre mi pompava la sorella muoveva la mano dentro.
Mi fecero venire nuovamente un paio di volte e quindi tornammo da mio marito che mi stava aspettando, un ultimo bacio (che durò oltre un minuto) sulla bocca con la ragazza e quindi facendo un cenno di saluto con la mano agli uomini presenti uscimmo dal club e tornammo in albergo. Il giorno dopo non sentii neppure mio marito uscire dormii sino al suo ritorno.
E’ stata una esperienza fantastica, per fortuna che la fica è elastica e quindi è ritornata ad una misura accettabile (allego una foto) altrimenti non so più con chi potrei scopare, anche se questa serata penso sarà unica.








Commenta questo racconto oppure proponi il tuo racconto
Leggi altre esperienze di coppia vere su AdultFriendFinder



Anche se un po inverosimile mi sono eccitato moltissimo. Io frequento i privè ma non mi è mai capitato di vedere una scena del genere.
Un bacio alla fica di carla con passone.
Mister XXXL

inserito da mister xxxl il 3-5-2013

Commenta questo racconto oppure proponi il tuo racconto

Commenta il racconto

Nome
Il mio commento:
Ultime ricerche: racconti di coppie aperte racconto xxx coppia prima volta al club prive porno racconti club prive sexyshop con gloryhall a milano fare scopare la moglie al club prive racconti raccontixxcscambiodicoppie milf al prive racconti cerco scambisti sciacca mogli al club scambisti racconti mogli al club racconti raccnti scambisti racconti erotici moglie club privee racconti al prive storie di sesso interraziale in club prive mogli club prive racconti racconti di club scambisti

Per informazioni pubblicitarie info@le-orge.com | Informazioni sulla privacy | Scambi banner
Segnalato da Eros Freeonline | Il Paradiso del Sesso